Dr. Gasper Lin Shkreli

Dr. Lin Shkreli

Born in Shkoder in 1920. Traveled to Italy in 1938 for studies in Medicine and Law, graduating with a Law Degree from Rome. He never returned to Albania.

After being wounded on the streets of Rome in 1944, during WWII, by a stray bomb thrown at the Germans, he sustained irreparable damage to his arm and changed his studies from Medicine to Law.

He was President of the Albanian Students Association in Italy. Leading this Association in the anti-communist effort by sending appeals to various foreign Embassies in Rome.

Served on the BKI Council and directed the youth of the BKI.

Dr. Shkreli was a very educated, active individual who dedicated himself with all the impetus of his youthful temperament to the advocated cause of his party. He was indispensable to the party and Dr. Verlaci’s closest confidante.

He lived in Rome where he was also laid to rest in 1985.

At the end of WWI the International Refugee Organization took on the monumental task of the Registration of Foreigners and German Persecutees by Public Institutions, Social Securities and Companies between 1939-1947, among others were also persons of non-German citizenship and stateless persons.

This is one of the documents which I found through research from the Rome Intake Center belonging to Dr. Lin Shkreli, Charter Member of the BKI. It is an insight into his background and events which led to his refugee status in Rome.

 

1938 – Il soggetto viveva a casa in Albania nella città di Scutari, dove era fino a quando

Nov 38 – Quando venne a Roma per studiare. Da quel momento visse a Roma dove studiava all’università, tornando ogni estate a casa in Albania, Scutari, fino al

Nov 42  – Quando lasciò l’Albania per l’ultima volta. Da questo momento il soggetto è a Roma. Vive in una pensione a credito, come apparentemente suo padre ha scritto chiedendo ai proprietari della Pensione di dargli credito fino a quando non potesse inviare di nuovo denaro. È ancora all’università. Stava prima studiando medicina, ma fu ferito per le strade di Roma da una bomba vagante, lanciata contro i Tedeschi a gennaio ’44 e doveva essere operato nel braccio. Questo gli ha fatto cambiare i suoi piani e ora sta studiando legge. Oggetto lavoro nell’amministrazione del famoso negozio di abbigliamento Battilochi in Via Sistina e guadagno 30.000 lire al mese, che ovviamente non è abbastanza per sopravvivere.

È anche presidente dell’Associazione degli studenti albanesi in Italia. Gli obiettivi di questa organizzazione sono interamente democratici. L’11 novembre 1945, il capo della missione militare albanese, il col. Kadri Hoxha, di stanza a Bari, viene a Roma. Ha convocato gli studenti albanesi dicendo che aveva un messaggio importante da consegnare. Questo messaggio era un ordine emesso dal governo a Tirana che voleva lo scioglimento immediato delle organizzazioni studentesche e l’immediata distruzione dei suoi archivi e della sua costituzione. Il Capo della Missione Albanese ha inoltre affermato che gli studenti Albanesi presenti in Italia potrebbero aderire alla “Federazione Giovanile di Tirana” e che solo questa organizzazione è ufficialmente riconosciuta da Tirana. Il Capo della Missione Albanese ha anche affermato che se gli studenti si rifiutassero di unirsi all’organizzazione formata a Tirana, verrebbero considerati vicino ai Criminali dello Stato nelle loro liste nere.

Il soggetto ha continuato nell’organizzazione in cui si trova e si è rifiutato di tornare. Gli studenti Albanesi, con soggetto come capo, hanno inviato appelli alle varie ambasciate straniere qui, implorandoli di non lasciare che i piccoli paesi (inclusa l’Albania) esercitino una regola del terrore che incornicia una nuova classe di schiavisti, che era ciò che i nazisti – il regime fascista mirava.

“L’Unita” dell’Albania ha pubblicato il seguente articolo nel gennaio ’46, che condanna l’Associazione degli Studenti Albanesi in Italia, che è assistita dal Vaticano, dall’UNRRA e dalle forze armate alleate (ho visto questo articolo).

Il soggetto ha un certificato dal luogo in cui lavora ora, che afferma che è onesto e onorevole e può essere raccomandato da qualsiasi punto di vista.